AVATARA Dinkar è la rivista teosofica che approfondisce il ruolo esoterico e spirituale degli schermi e dell’informazione nella Nuova Era Digitale, illustrando meglio tutti i concetti esoterici espressi nel mio libro più importanteAtmo Dinkar e il segreto del tesoro interiore” (che trovi QUI). Perchè questo termine per la mia rivista? Nella cultura indiana sanscrita un AVATARA è l’incarnazione di un’Anima Divina che ha il ruolo di portare luce sulla Terra e dissipare il crescente predominio delle tenebre. Nell’era del delirio di onnipotenza tecnologica, con la finanza digitale che domina i popoli e distrugge le risorse della Terra, il disordine e le tenebre interiori hanno raggiunto un livello molto alto, a scapito e danno della luce interiore e della evoluzione solare dell’anima incarnata.
Ma avatar è anche un termine usato in Internet per indicare un “alter ego” digitale. Nel 1998 ho ricevuto il nome spirituale Atmo Dinkar dal Maestro dell’Oceano, termine che significa “il Sole Interiore”, cioè la luce dell’anima. Nello stesso anno è iniziato il mio impegno sociale contro le Videodipendenze e il TecnoStress, prima come scrittore e conferenziere, e poi nel 2007 come presidente di Netdipendenza Onlus, la prima organizzazione europea no profit che si occupa dei rischi nel lavoro e nella vita digitale.
Atmo Dinkar è dunque l’avatar digitale dello scrittore Enzo Di Frenna. Insieme, scrittore e supereroe, combattono contro orchi, demoni e bit malefici per spezzare l’incantesimo degli schermi nella Nuova Era Digitale Digitale.  Ed insieme cercano di accendere un Sole luminoso in questi tempi oscuri. AVATARA è quindi la voce di Atmo Dinkar (e la sua rivista).

L’origine del termine Avatara sanscrita e significa “la discesa della divinità per ristabilire il Dharma nei tempi bui”. Tale termine è collegato al verbo avatṝ (di genere parasamaipadam, attivo, di 1ª classe), con il significato di “discendere in” (accusativo o locativo) oppure “discendere da” (ablativo) ancora “arrivare a” (accusativo) o “essere al posto giusto”, “essere adatto” e infine “incarnarsi” (nel caso di una divinità). La nozione religiosa di avatāra, ovvero la “discesa sulla terra della divinità” compare in India in tra il III e il II secolo a.C., nella Bhagavadgita quando Visnu, Dio, la Persona suprema, esprime l’intenzione di assumere diverse forme al fine di restaurare l’ordine cosmico (Rta-Dharma). Ecco cosa si legge nella Bhagavadgita, IV 7-8: « Così ogni volta che l’ordine (Dharma) viene a mancare e il disordine avanza, io stesso produco me stesso, per proteggere i buoni e distruggere i malvagi, per ristabilire l’ordine, di era in era, io nasco. » Nei secoli passati due grandi Avatara sono stati il Cristo e il Buddha.

Avatara è scritto abitualmente con un accento sulla terza A, ma nel caso della rivista AVATARA l’accento a sulla quarta A, per mettere in risalto la parola RA, il dio sole dell’Antico Egitto. Il significato di Atmo Dinkar è infatti “Tu sei il Sole Interiore” e io stesso ho un forte legame con le conoscenze del culto di Amon-Ra, il Dio Sole Supremo. Per gli antichi egiziani il sole era infatti il simbolo di luce, calore e prosperità. Nel pantheon egizio, le divinità solari erano perciò particolarmente importanti, in quanto il sole era ritenuto il Sovrano dell’intero creato.

AVATARA è una rivista registrata presso il Tribunale di Civitavecchia  ai sensi della Legge sulla Stampa 47/1948 – numero di iscrizione: 4/2015 – direttore responsabile: Enzo Di Frenna

SCARICA GRATIS IL PRIMO NUMERO
“2020-2021, il Grande Crollo”
in uscita il prossimo 15 ottobre 2018
registrandoti nel Modulo qui sotto

Questa rivista è una Stanza Segreta.

AVATARA è una Stanza Segreta.
Se sei interessato a conoscere te stesso allora sei il benvenuto.
In questa sezione riservata del mio blog troverai temi e argomenti
che approfondiscono il lato esoterico degli schermi, i software della mente
e le varie dimensioni energetiche presenti nell’Universo.

– leggi qui sotto l’estratto dalla introduzione del primo numero di AVATARA – 

Invochiamo l’Avatar Solare in questi tempi bui

di Enzo Di Frenna  [Atmo Dinkar]

Nel 1948 usciva in Inghilterra il libro “The Reappearance of the Christ”, il ritorno del Cristo, cioè quella Forza Spirituale di Amore e Saggezza (in lingua sanscrita chiamata AVATARA) che l’ultima volta si è incarnata nel corpo fisico del maestro Gesù di Nazareth. Il libro fu scritto da Alice Bailey, la chiaroveggente che fondò la Scuola Arcana e proseguì le rivelazioni teosofiche di Helena Petrovna Blavaskty, che invece nel 1875 fondò la Società Teosofica. Il termine teosofia deriva dal greco θεός, ‘dio’, e σοφία, ‘sapienza’. Si tratta di un percorso spirituale che porta a conoscere la Saggezza Divina, direttamente, attraverso la connessione con la propria Anima. Questo è anche il significato che io gli attribuisco, senza aderire a nessuna organizzazione religiosa, filososofica o massonica. Il libro della Bailey spiegava che gli Avatara, cioè incarnazioni della Luce e Amore di Dio, ritornano sulla Terra ogni volta che le tenebre prendono il sopravvento. Hanno il compito di accendere un faro solare e guidare l’umanità verso una nuova consapevolezza, nel momento in cui una civiltà inizia a crollare insieme alle sue vecchie idee e credenze.

Lo scopo di un Avatara è quello di riportare equilibrio, saggezza, ed amore per ogni creatura. Un grande Avatara, ad esempio, è stato il Buddha, che si incarnò in Oriente 500 anni prima della nascita di Gesù di Nazareth. La Sorgente Divina, quindi, inviò sulla Terra dapprima un impulso di Consapevolezza (il Buddha) e poi un impulso di Amore (il Cristo), per dare vita a un nuovo ciclo evolutivo della famiglia umana e farle riscoprire due attributi importanti dell’anima: consapevolezza e amore. Bailey scrisse il libro alla fine della Seconda Guerra Mondiale, (1939-1945), periodo che fu preceduto da dieci anni di crisi economica feroce, iniziati in America nel 1929 con la Grande Depressione finanziaria. Nel 1947, a giugno, durante un plenilunio, Bailey rivelò che il centro di Luce chiamato “il Cristo” (da non identificare con la forma fisica di Gesù) annunciò che si preparava a tornare sulla Terra, poichè ancora una volta il male avrebbe preso il sopravvento e bisognava aiutare l’umanità a incanalare il flusso di coscienza in un nuovo ciclo.

Chiedo a voi: si può immaginare un periodo più buio della seconda guerra mondiale che fece milioni di morti, lasciò terribili macerie e inaugurò l’era delle bombe atomiche? Sì, questa epoca esiste. La stiamo vivendo oggi, nell’era digitale. Allora sembrava impossibile che potesse arrivare un periodo più oscuro. Invece, dopo 70 anni, con l’avvento degli schermi si è affermato un immenso potere di distruzione, che si è condensato nelle mani di corporazioni finanziarie, banche d’affari, massoneria malefica intrecciata con la politica ed i mass media asserviti col denaro, che sta ora confluendo in modo chiaro verso una Età Buia molto più critica del periodo che vide l’esplosione delle seconda guerra mondiale. Il Cristo Solare si prepara dunque a tornare. Il Male, che nel mio libro più importante chiamo il “Triangolo Nero”, ha ordito il più grande piano malefico della storia umana e sta trascinando la civiltà verso un tracollo di proporzioni impressionanti. Se il periodo della seconda guerra mondiale è paragonabile a un fiammifero acceso, quello che abbiamo davanti a noi, cioè il periodo 2017-2080, assomiglia a un incendio. La seconda guerra mondiale, ed il tracollo finanziario che precedette quella tragedia umana, fu sfruttato dal membri del “Triangolo Nero” per assumere ancora più potere.

Tutto iniziò nel 1913 quando espropriarono il Governo americano della possibiltà di stampare la moneta, convergendo tale facoltà nella Federal Reserve, cioè la Banca centrale americana composta da banchieri i cui nomi sono segreti. Il dollaro ha tutti i simbolici massonici della loro setta, tra cui una piramide con i mattoni massonici e l’occhio del loro dio che può vedere tutto, e controllare tutto. Gli stessi simboli massonici sono impressi nella moneta Euro: colonne iniziatiche, mattoni, ponti, triangolo. Ciò che è riuscito in America, lo hanno poi esportato in Europa e lentamente nel resto del mondo. Quando nel 1913 il Triangolo Nero assunse il dominio della moneta americana, dopo qualche anno scoppiò la prima guerra mondiale (1915-1918). E pure la seconda guerra mondiale fu preceduta da una grave crisi economica, provocata in America dalle banche d’affari del Triangolo Nero (la Grande Depressione). Ma alla fine di questa seconda guerra, che fece oltre 60 milioni di morti, i soldi di quella setta malvagia servirono alla ricostruzione e le nazioni si indebitarono verso poche famiglie massoniche ricchissime. Da allora, il loro piano malefico è diventato un mostro ancora più orribile. Nei vertici delle grandi corporazioni finanziarie (banche d’affari e multinazionali), negli apparati militari, nei governi, nei tribunali, ci sono i loro “fratelli” oscuri che eseguono gli ordini della piramide nera. Non è fantascienza, ma storia.

Grazie alla mia esperienza di giornalismo investigativo proverò infatti a raccontare un’altra storia attraverso AVATARA ((con l’accento sulla A finale per mettere in risalto anche il concetto di RA, il dio solare degli antichi egiziani), che è sconosciuta alla maggioranza. Proverò a descrivere una narrativa che getta luce sulle tenebre e sul piano malefico di assoggettare l’umanità con il potere degli schermi, l’ingegneria finanziaria computerizzata, i microchip nanoconnessi.

L’Età Buia è qui, oggi. Negli ultimi trent’anni le multinazionali e le corporazioni finanziarie hanno avvelenato ogni cosa. 1) la terra è pregna di pesticidi chimici e di ogm (organismi geneticamente modificati), e questi veleni entrano nei cibi che consumiamo, insieme ad altre sostanze velenose che usiamo come additivi. 2) l’acqua che beviamo è infetta e contaminata da pesticidi (ad esempio il cancerogeno glisofato) e da scarichi industriali). 3) l’aria che respiriamo è piena di smog industriale, gas serra, “scie chimiche” (e molto piombo) del nuovo progetto militare tenuto segreto per decenni (ma nel 2017 il capo della CIA lo ha ammesso pubblicamente) con cui manipolano il clima, modificano la ionosfera e inducono terremoti artificiali, avvelenando tra l’altro la qualità del “prana vitale” che nutre la nostra Aura (corpo eterico). 4) l’inquinamento elettromagnetico dovuto alle antenne di telecomunicazioni e l’uso di miliardi di dispositivi digitali (computer, telefono cellulare, tablet, reti wi-fi, ecc) disturbano il funzionamento dei nostri chakra (centri di energia vitale) e le principali ghiandole endocrine. 5) l’inquinamento informativo, voluto dalle corporazioni televisive e mediatiche aderenti al patto malefico del Triangolo Nero, diffonde notizie e informazioni che alimentano la paura, lo sconforto, la depressione. 6) l’incantesimo degli schermi, con il cervello di milioni di persone risucchiato verso il baratro digitale, sta spegnendo la connessione tra corpo, mente e anima. Inoltre, l’ingegneria finanziaria delle banche d’affari e l’imposizione della moneta elettronica, permetterà alle corporazioni di controllare la vita di ogni individuo. Ed infine, ultimo obiettivo, inserire un microchip sotto pelle e nel cervello (sono esperimenti già reali) per dominare le anime incarnate sulla Terra.

L’elenco di cose orribili, in realtà, è molto più lungo, e la rivista AVATARA cercherà di documentarle, illustrando anche il lato spirituale ed esoterico di ciò che sta accadendo. Il male sta dunque dominando il mondo e vuole il caos. Nel cielo si stanno addensando le tenebre più oscure della storia umana dai tempi del collasso di Atlantide. Ed è proprio per questo motivo che il Cristo Solare, invocato dalle anime fedeli a Dio, si prepara a tornare e risponderà all’appello di sofferenza degli uomini, per spezzare i piani oscuri e ristabilire il piano divino di Amore e Luce.

Il primo Cristo che si incarnò duemila anni fa manifestò poteri speciali nel corpo di Gesù. Il “rabbi Jesus” non poteva diventare ciò che è diventato se non avesse dimostrato di avere potere sui demoni (il primo miracolo fu un esorcismo su un indemoniato), potere sull’energia (materializzazione dei pani e pesci), potere di guarigione, potere sul fenomeno della morte (resurrezione di Lazzaro), potere di resurrezione. E tutto questo potere era racchiuso nel suo Cuore, nell’Amore Divino che discendeva direttamente dal Padre. Il suo potere sconfisse Satana e la Morte. I suoi Angeli e gli Apostoli portarono nuova luce nel mondo e il Suo Messaggio sconfisse la falsa conoscenza dei rabbini ebrei, che lo condussero alla morte sulla croce, pensando così di mantenere il loro privilegio di casta nera che parlava di dio ma era lontana da Dio. Gesù di Nazareth fu la loro sconfitta più grande e il suo destino prevedeva la morte in croce, in un corpo che sarebbe poi risorto dopo tre giorni, continuando a vivere nella dimensione di luce eterna del Cristo Solare. Quali poteri avrà il Nuovo Cristo Solare che si prepara a tornare nell’era digitale? Si manifesterà nel corpo di un condottiero? Un filosofo? Uno artista? Non è dato saperlo. Ma alcune “tracce” indicando che avrà potere sulla tecnologia e potrà modificarla a suo piacimento con la forza della Sua Mente e del Suo Cuore. Potrà riconnettere le anime alla Sorgente Divina e Solare, guarendo le menti e i corpi incarnati. Il nuovo Cristo si sta già manifestando nel cuore degli uomini che sentono il Richiamo. Sta usando la luce di queste anime per preparare l’avvento sulla Terra e diffondere un Nuovo Messaggio di Luce, in un mondo connesso ovunque. Tornerà in un’epoca in cui ogni occhio potrà vederlo e ogni orecchio potrà sentirlo, grazie alla rete Internet e ai milioni di piattaforme disponibili sui dispositivi digitali. Quando Alice Bailey scrisse il libro AVATARA, si rese conto che il nuovo Cristo sarebbe venuto in un mondo unificato, ma si limitò a parlare di radio e televisione. Non poteva sapere che sarebbe nata Internet, gli schermi touch connessi, i social network. Ecco cosa scrisse la Bailey negli anni ‘40:

Se è vero che Egli si prepara a riapparire, se è un fatto che verrà accompagnato dai Suoi discepoli, Maestri di Saggezza, e se il Suo avvento è prossimo, quali sono gli elementi che essi devono prendere in considerazione? Prima di tutto il Cristo verrà in un mondo essenzialmente unificato; la Sua riapparizione e la Sua conseguente attività non possono limitarsi ad una località ristretta che resti ignota alla grande maggioranza degli uomini, come accadde in Palestina duemila anni fa. La radio, la stampa e la diffusione delle notizie renderanno la Sua venuta diversa da quella di qualsiasi Messaggero precedente; i rapidi mezzi di trasporto ren- deranno il Cristo accessibile ad innumerevoli milioni di uomini, i quali per mare, per terra, per via aerea, potranno recarsi presso di Lui; mediante la televisione il Suo volto sarà familia- re a tutti e invero “ogni occhio Lo vedrà”.
(dal libro “Il Ritorno del Cristo”, capitolo II, paragrafo 16).

Il Male sta oggi conquistando il mondo attraverso gli schermi connessi e quindi il Cristo Solare userà gli schermi per liberare il mondo. La Grande Battaglia tra Bene e Male si combatterà nei canali di connessione. Il nuovo Cristo avrà poteri speciali, proprio come li aveva Gesù, ed aiuterà gli uomini ad accendere i loro poteri psichici e spirituali. Gli insegnerà ad usare questi poteri per connettersi al Padre che è nei Cieli, cioè la Sorgente Divina da cui tutto proviene. Il nuovo Cristo avrà, ancora una volta, potere sull’energia. Potrà guarire. Annienterà i demoni. Favorirà la resurrezione dei corpi e delle anime, ma stavolta il suo Agire sarà amplificati dalla reti di comunicazione. Con le sue mani potrà toccare chiunque e ovunque. Il Nuovo Cristo Solare aiuterà a comprendere che i computer sono lo specchio della mente umana, ma se la mente è connessa al cuore può fare grandi cose (altrimenti può solo dominare e distruggere). Potrà sentire e vedere a distanza, modificare gli eventi, materializzare energia, trasmettere informazioni, viaggiare, guarire, e soprattutto, potrà fermare il Triangolo del Male.

Tutte le cose che ho appena descritto in realtà le facciamo già con la tecnologia moderna. Noi possiamo sentire e vedere attraverso i telefoni cellulari, possiamo viaggiare a grandi distanze in poche ore, possiamo proiettare i nostri ologrammi in qualunque parte del mondo, usiamo l’energia delle macchine per guarire, scannerizzare e vedere dentro, passando ai raggi x il nostro corpo. Possiamo comandare le macchine e i computer con la forza del pensiero: la scienza lo ha già dimostrato e sarà uno dei temi centrali di questo giornale. Ed è questo, in fondo, il messaggio rivelatore del mio libro “Atmo Dinkar e il segreto del tesoro interiore”, che vi invito a leggere. Ma prima, purtroppo, bisognerà attraversare l’Età Buia. La civiltà crollerà e il dolore farà emergere nuovi bisogni, nuove consapevolezze. La Mappa Nera scatenerà l’inferno in terra, provocando grandi dolori, sofferenze, privazioni, nel tentativo di dominare il mondo. Ma il suo piano alla fine fallirà. Nessuno è superiore a Dio. Nessuno è superiore al Padre. Nessuno ha più potere dell’Universo. Ancora una volta, quindi, il Cristo ritornerà e noi possiamo fare molto per richiamarlo.

Possiamo usare il potere della nostra mente, quindi il potere della parola, per benedire gli schermi e i canali di connessione. Io lo faccio ogni giorno. Benedico tutte le mie connessioni psiconeuroenergetiche e le connessioni digitali che si diramano dai miei dispositivi tecnologici. Sono stato costretto a farlo e ne racconto i motivi nel mio ibro “Il Dono di Orazio”. Benedire le proprie connessioni energetiche è ciò che insegno nei miei corsi da alcuni anni. Il termine benedizione è composto dalle parole “bene” e “dizione” (cioè dire, parlare). La parola, in sostanza, è aria che diventa frequenza, vibrazione, suono, significato. Dietro ogni parola c’è però un pensiero. Dietro il termine “rosa” c’è sempre il pensiero di una rosa. Quindi noi possiamo usare la nostra facoltà mentale, cioè il potere del pensiero che si allinea al Cuore, per attrarre il Bene che discende dal Cielo. Possiamo accendere la ricetrasmittente interna e innalzare una potente “telefonata-chiamata” a Dio Onnipotente. Possiamo pregare. E il Padre che è nei Cieli ascolterà la nostra richiesta di aiuto ed invierà ancora una volta il suo Messaggero Divino, l’Avatara di questa Nuova Era.

A giugno del 1947, come scrisse Alice Bailey nel suo libro, il Cristo Solare alzò il velo su una preghiera segreta e chiese agli amanti della Saggezza Divina di diffonderla nel mondo, al fine di preparare il terreno per il suo Ritorno. Questa preghiera è la Grande Invocazione, che ho conosciuto per la prima volta a 21 anni, quando casualmente (ma il caso in realtà non esiste) un amico di scuola mi invitò a una conferenza pubblica di filosofia comparata di Oriente e Occidente, organizzava una associazione culturale fondata da un ex appartenente alla Società Teosofica. Ecco la preghiera:

LA GRANDE INVOCAZIONE

Dal punto di Luce entro la Mente di Dio
affluisca luce nelle menti degli uomini.
Scenda Luce sulla Terra.

Dal punto di Amore entro il Cuore di Dio
Affluisca amore nei cuori degli uomini.
Possa il Cristo tornare sulla Terra.

Dal centro ove il Volere di Dio è conosciuto

il proposito guidi i piccoli voleri degli uomini;
il proposito che i Maestri conoscono e servono.

Dal centro che vien detto il genere umano
si svolga il Piano di Amore e di Luce
e possa sbarrare la porta
dietro cui il male risiede.

Che Luce, Amore e Potere
ristabiliscano il Piano sulla Terra.

Questa Invocazione la trovate anche nel libro “Atmo Dinkar e il segreto del tesoro interiore”, anche se adattata a un linguaggio fantasy che parla di cuore, mente e schermi. E vi invito, naturalmente, ad usarla. Nel grande ciclo evolutivo le nascite e i crolli fanno parte della vita. Accade lo stesso con una pianta o un bambino che diventa adulto e poi fragile e vecchio. Accade con il giorno e la notte, la luce e le tenebre. Tutto è funzionale nell’Universo. Anche le civiltà hanno una nascita, una crescita e una decadenza. Quando l’evoluzione ha raggiunto l’apice, inizia il processo di discesa. La civiltà tecnologica e computerizzata dovrà crollare, poichè le menti che la governano sono senza cuore. Un gruppo di anime nere ha preso il controllo del mondo. Vuole ottenere potere e dominio su ogni cosa, cioè l’esatto opposto dell’amore che lascia ogni essere libero di esprimersi ed evolvere.

Ma anche il male è usato dall’Universo, come accade con il buio che serve ad apprezzare la luce del giorno. E l’Età Buia che sta sorgendo servirà per affermare un nuovo significato esistenziale per l’umanità del futuro. Io non mi identifico in nessuna religione monolitica, nessun credo, nessuna organizzazione. Mi sento un pò come Ian Solo nel film di Guerre Stellari, quando mette la sua nave Millenium Falcon a disposizione dei maestri Jedi per combattere e distruggere la Morte Nera, il pianeta artificiale ultratecnologico che voleva asservire al male tutte le galassie. La mia nave stellare si chiama però Laiser One: è il vascello magico che mi permette di volare nella fantasia insieme ad Atmo Dinkar, il coraggioso avatar digitale protagoniste delle mie storie. Navigo nell’oceano delle informazioni con il mio blog, la scrittura, i libri, le riviste, la musica, e cerco di aiutare le anime a spezzare l’incantesimo degli schermi, per poter apprezzare di nuovo la luce del sole interiore. Non so dove mi porterà questa nave leggendaria. Ma finchè la Laiser One e il suo equipaggio di elfi, angeli, animali fatati, servirà al piano della Luce, volerà nell’Universo per compiere le sue missioni a fianco del Bene.

Sono, e rimango, al servizio del Cristo Solare.
Cioè l’Atmo Dinkar che è in ognuno di noi.

SCARICA GRATIS IL PRIMO NUMERO
“2020-2021, il Grande Crollo”
in uscita il prossimo 21 marzo 2018
registrandoti nel Modulo qui sotto

NOTANel 500 a.c. l’Avatara Buddha, incarnato in Oriente nel corpo di Siddharta, illumina l’umanità con il Raggio di Consapevolezza, ossia la Coscienza che anima ogni cosa l’Universo. Cinquecento anni dopo, l’Avatara Cristo, incarnato in Occidente nel corpo di Gesù di Nazareth, illumina l’umanità con il Raggio di Amore e Saggezza. Queste due immense energie ritornano periodicamente sulla Terra per avviare nuovi cicli. Il ritorno dell’Avatara Cristo avverrà nel momento storico in cui l’umanità è completamente immersa nel delirio di onnipotenza della tecnologia degli schermi, con cui domina e controlla tutto, sostituendosi a Dio. Questo fenomeno rispecchia il delirio di controllo della mente (schermo interno) a discapito della luce del cuore (anima). Il Cristo ritornerà per mostrare all’umanità che la potenza del cuore è superiore alla potenza della mente (gli schermi). L’Amore e la Consapevolezza sono le forze da risvegliare.
La Profezia dell’Alleato della Luce sul futuro che incombe sull’umanità perso nell’incantesimo degli schermi la trovate nel mio libro “Atmo Dinkar e il segreto del tesoro interiore

[ ABSTRACT ] – Nel 2012 un antico segreto affiora dalle pagine di un libro. Attraverso i dettagli di una Mappa Bianca viene svelato il lato esoterico degli schermi, creati dall’uomo con uno scopo evolutivo. Un misterioso Alleato della Luce guida l’Autore del libro in un viaggio nella rete mondiale degli schermi, scoprendo scenari futuri e i rischi che incombono sull’umanità nel periodo 2020-2080, con il crollo della civiltà finanziaria e venti di guerra mondiale.
La grande battaglia tra i Bene e il Male. I microchip atomici inseriti nel cervello. Il controllo dell’energia mentale. La connessione informatica capillare per spegnere la luce dell’anima e far ammalare l’aura vitale, i chakra e il corpo. Gli spettri astrali e i bit malefici. Il nuovo esercito dell’Oscuro che tenta l’assalto finale con il controllo degli schermi… Uno scenario cupo. E’ il piano delle Tenebre per trascinare l’intera l’umanità nell’incantesimo degli schermi. Ma esiste ancora una speranza. Seguire le Tracce e svelare al mondo il segreto del tesoro interiore…

ACQUISTA UNA COPIA E CLICCA QUI SOTTO

Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.