IL MIO LAVORO DI FORMATORE

Ho iniziato a fare corsi in aula a 21 anni. Accadde per caso. Frequentavo un’associazione culturale internazionale e il mio insegnante di “Filosofia comparata d’Oriente e d’occidente” aveva un impegno all’estero. Si chiamava Giorgio Gilardi, era italo-spagnolo, e fu anche un maestro di vita. Mi disse: «Sei bravo a comunicare. Terrai il corso al posto mio». Non fu una richiesta, ma un “ordine” 🙂

Così mi ritrovai per la prima volta in aula a parlare di ciò che mi appassionava: cioè la conoscenza dell’uomo.

Negli anni successivi, durante la mia attività di giornalismo, ho tenuto corsi di comunicazione e scrittura. In verità, non facevo nulla per cercarmi aule in cui insegnare. Accadeva per caso. Ad esempio, una volta mi proposero di tenere un corso di comunicazione ai dirigenti di Polizia del Ministero dell’Interno. Oppure, dopo aver partecipato alla fondazione dell’Accademia di Pranic Healing, mi sono trovato a insegnare la percezione delle energie sottili.

Quindi oggi faccio il formatore. In realtà ho iniziato a farlo come lavoro nel 2007, quando mi invitarono a tenere un corso di formazione sul rischio TecnoStress in un importante meeting di aziende di Information ad Communication Technology (ICT), il Broadband Business Forum, che si teneva a Milano.
Nello stesso anni ho fondato Netdipendenza Onlus e ho iniziarlo a tenere corsi per la prevenzione delle videodipendenze.

Nel 2013 ho creato la scuola di formazione “PND” (Prevenzione Net Dipendenza), in cui ho riversato tutta la mia esperienza per la prevenzione del TecnoStress, Internet Dipendenza e Sovraccarico Informativo. Dal 2013 al 2015 la mia scuola è diventata un centro autorizzato AIFOS (Associazione italiana Formatori Salute e Sicurezza sul Lavoro), poi successivamente è diventato un Centro di Alta Formazione A.iF.e.S. (Associazione Italiana Formatori ed Esperti di Sicurezza sul lavoro) ed attualmente  eroga corsi ai sensi del Decreto legislativo 81-2008.

Ho formato centinaia di formatori esperti di sicurezza sul lavoro, introducendoli ai rischi nel lavoro digitale. Ho insegnato a giornalisti, imprenditori, psicologi, infomarketer, lavoratori digitali, informatici, e perfino ai tecnici dell’Istituto Italiano di Fisica Nucleare.
Il 29 ottobre 2015 ho ritirato il premio INAIL per il progetto innovativo di formazione “Buone Prassi” sul rischio TecnoStress promosso dall’Agenzia europea per la salute e sicurezza sul lavoro.

Insomma, oggi questo è il mio lavoro.

Ma negli ultimi tempi ho deciso di occuparmi maggiormente di Infolavoro senza TecnoStress e Più Benessere. Ossia insegno a lavorare con l’informazione (attività che svolgo da oltre 3o anni) utilizzando anche gli aspetti positivi di Internet (Infomarketing), senza però cadere nella trappola del TecnoStress e sovraccarico informativo cerebrale. Anzi, mantenendo alta la concentrazione e la produttività.

La mia propensione è infatti la formazione olistica e spirituale. Ho ideato la Psico Neuroenergetica e dal 2014 tengo regolarmente corsi che insegnano a difendersi dai rischi correlati all’uso di nuove tecnologie connesse, incluso l’influsso dei campi elettromagnetici sulla salute e l’aura vitale (chakra).

Insegno a riconnettere corpo, mente e anima.
Se sei interessato al lavoro, puoi andare nella pagina CORSI.